05/05/15

E' morto Nigel Terry, il Re Artù di Excalibur


E’con vero dispiacere che siamo venuti a sapere della morte dell’attore inglese Nigel Terry, il bravo interprete di Re Artù nell’indimenticabile e insuperato “Excalibur” di John Boorman del 1981. Un film che ha segnato in maniera incancellabile tutta la nostra giovinezza.  

6 commenti:

  1. RIP. Grande film che all'epoca fu considerato fascista e reazionario, dalla solita stampa italica, intrisa di socialcomunismo. Quando l'ideologia è la griglia interpretativa dell'arte e delle umane cose, l'uomo si riduce a "collettivo".

    RispondiElimina
  2. Grazie Angelo. Sottoscrivo.

    RispondiElimina
  3. Mi accodo agli elogi postumi su questo film. Per me che sono di una generazione successiva alla vostra (quella per intenderci, dei cartoni giapponesi, che ha per centralità la metà degli anni ottanta), questo film ha comunque rappresentato e rappresenta ancora oggi, la più efficace e fedele trasposizione cinematografica del mito arturiano.

    Molte sequenze sono di culto, così come la colonna sonora di Trevor Jones (di cui abitualmente ascolto e riascolto molti brani), al punto da qualificare questa pellicola come un grande classico in grado di fare da trait d'union fra molte generazioni diverse. Diverse, ma ugualmente affascinate dal mito arturiano e dal perennalismo.

    Fra tutti gli aspetti positivi non si può non citare Nigel Terry come Re Artù, che ancor oggi, nonostante il mondo del cinema e della recitazione siano notevolmente cambiati, rimane un punto di riferimento per chi vorrà inseguito interpretare il ruolo di Artù sul grande schermo.

    Questo è uno di quei rari casi, in cui la cultura popolare riesce finalmente a veicolare contenuti di una certa profondità-

    RIP Terry Nigel

    RispondiElimina
  4. Caro Fabrizio, ti ringrazio molto per il commento che condivido fino in fondo. Purtroppo, non credo che esista la possibilità di eguagliare questa pellicola e non vedo nel panorama mondiale nessun regista con caratteristiche simili a quelle di Boorman. Speriamo piuttosto che il nostro riesca a portare a termine la versione cinematografica de "Le memorie di Adriano" della Yourcenar. Sono sicuro che sarà un film ugualmente ispirato come indubbiamente lo fu Excalibur.

    RispondiElimina
  5. Ciao Aldo , grazie a te per la risposta. John Boorman fa parte di una generazione di registi che oggi ha pochi eredi. L'idea di girare un film esaustivo sul mito arturiano, come fu Excalibur è oggi qualcosa di molto difficile che rientrerebbe più nei piani di un film indipendente (ma che vedrebbe la sua impossibilità nella mancanza di un budget sufficiente) oppure nei piani di qualche cineasta famoso e ricco affascionato da questo mito. Per ora non ho comunque mai sentito parlare di particolari interessi di Hollywood a tornare su un remake di Excalibur. Da un lato potrebbe essere un bene, poichè con la tendenza a voler spettacolarizzare si perderebbero le profondità e i simbolismi di questo mito (e piuttosto che avere un film del genere è meglio continuare a riguardarsi il vecchio Excalibur di Boorman).

    Non sono invece a conoscenza di questo progetto riguardandante le memorie di Adriano! Si tratta forse di un film indipendente? Mi informerò in merito.

    RispondiElimina
  6. Si tratta di una pellicola a cui lo stesso Boorman sta lavorando da qualche anno. Sono convinto che il nostro regista ormai ottuagenario anche in questo caso non deluderà le nostre aspettative.

    RispondiElimina